Categories

Guarda Covid, sanità “sospesa” per 35mln italiani. Visite cancellate o rimandate in diretta su Internet

Covid, sanità “sospesa” per 35mln italiani. Visite cancellate o rimandate

Draghi, conferenza stampa su riaperture oggi: cosa ha detto

Draghi, conferenza stampa su riaperture oggi: cosa ha detto

Una zona gialla ‘rafforzata’ e la riapertura di cinema, ristoranti e palestre, poi una scuola di frequenza, un decreto sul sostegno e il finanziamento delle attività interessate dalla chiusura delle emergenze coronavirus in Italia. Gran parte delle notizie annunciate oggi dal premier Mario Draghi in conferenza stampa, da lui annunciata il 26 aprile come data di inizio della ripartenza del Paese. “Penso che possiamo guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia”, ha spiegato il primo ministro. “Dal 26 aprile è prevista l’introduzione della zona gialla, la priorità è data alle attività all’aria aperta, quindi ristorazione per pranzo e cena e scuole. Tutte le scuole aprono in presenza della zona gialla e arancione. Siamo in zona rossa, loro sono modi per dividere tra lezioni frontali di persona e insegnamento a distanza ”, ha spiegato il primo ministro. Con l’introduzione, il 26 aprile, della zona gialla rafforzata, riaprono “scuole, ristoranti, musei, teatri, cinema, rappresentazioni teatrali, manifestazioni sportive, piscine, palestre, attività sportive, fiere, convegni, terme, parchi tematici”. “Con le decisioni odierne”, ha spiegato, “il governo si sta assumendo un rischio ragionato sulla base di dati in miglioramento. Le misure che regolano il comportamento nelle attività riaperte devono essere seguite con attenzione. In questo modo, il rischio ragionato diventa un ” opportunità” “, ha detto Draghi. sulla base dei dati. Il calo delle curve è continuo ma meno pronunciato di quanto ci saremmo potuti aspettare “, ha detto Draghi, illustrando le graduali aperture decise dal governo.” È un passo che facciamo con la comodità dei dati, soprattutto decidendo di dare la priorità alle attività all’aperto “. credo che non ci siano prove scientifiche dietro le misure adottate. Poiché le attività all’aperto privilegiate si basano su dati scientifici, il numero di infezioni è molto basso; è stato ritardato il richiamo di alcuni basati su attività scientifiche. Mi sembra che la base scientifica delle decisioni prese sia stata presa in considerazione, per quanto riguarda la distanza, cioè ovvio per tutti “, ha sottolineato.” Il criterio adottato nel primo regolamento di sostegno “per quanto riguarda l’assegnazione dei fondi” è quello del fatturato, che ha sollevato dubbi. Il Mef sta anche valutando di aggiungere criteri di profitto, una base imponibile per vedere le entità più colpite dalla pandemia “, ha aggiunto. Nell’economia” avremo un fortissimo salto nei prossimi mesi e poi dovremo accontentarci del livello di crescita che ci permette di uscire da un grosso debito. La ripresa è certa, non è certo quanto sarà forte, ciò su cui dobbiamo lavorare è garantire che dopo la ripresa continuiamo a crescere nella misura in cui abbiamo bisogno di tornare in un paese in crescita “, ha detto. per il programma di trasporto pubblico locale da attuare con le Regioni ci sono limiti del 50%, ma molto è stato fatto. C’è ancora una parte da spendere, poi ci sposteremo nei Paesi-Regioni e ascolteremo le iniziative delle Regioni ”. Il ritorno“ per riapertura ”è molto piccolo, molto basso. Con la malattia in modo diverso “, Ha spiegato Draghi.” Con la decisione odierna, il governo ha assunto un rischio ragionato basato sul miglioramento dei dati, ma non un miglioramento drammatico. Questo rischio assunto dal governo, che certamente soddisfa le aspettative dei cittadini, si basa sul presupposto: che governano le attività aperte sono coscienziosamente rispettate, le maschere e le distanze restano “. Lo ha affermato il premier Mario Draghi. , in un pacchetto di comunicato stampa. “Sarà necessario”, ha aggiunto il premier, “sensibilizzare in modo particolare le autorità,” a cominciare dalle autorità locali, e “dalle forze dell’ordine, per monitorare tali comportamenti”. La riapertura, ha detto Draghi, rappresenta “una straordinaria opportunità per l’economia e la nostra vita sociale”. “Una condizione necessaria è semplificare le regole per gli investimenti, questo vale per PNNR e il fondo di accompagnamento”, ha detto. o è il primo ministro. “Pnnr è composto da 191,5 miliardi, 69 non rimborsabili e 122 prestiti a condizioni particolarmente favorevoli, più un fondo di accompagnamento di 30 miliardi al Pnnr per quegli investimenti che non potrebbero essere in Pnnr, ma che saranno spesi alla stessa velocità, che non è la serie B ma il canale della serie A “, ha spiegato. “Il ministro Giovannini, che ringrazio, e ho nominato 57 commissari per 57 opere infrastrutturali”, ha spiegato ancora Draghi in conferenza stampa. “Si tratta – ha spiegato il presidente del Consiglio – di lavori già finanziati e valutati, in attesa di essere realizzati. Il ministro ha predisposto un cronoprogramma che riporta la data precisa di apertura del cantiere”. Il “gap ratio” nel budget è “40 miliardi, e il percorso verso un ritorno in deficit sarà visto solo del 3% nel 2025. È una scommessa sulla crescita: se è quello che ci aspettiamo da queste misure, questa scommessa vinceremo” senza nemmeno pensarci? su una manovra correttiva ”, ripeté Draghi. “È una scommessa su un buon debito. Non è più una questione di debito o no, prenderemo in prestito, e questo è il punto. Ora deve essere ben investito, gli investimenti sono ben identificati e devono essere ben progettati e attuati”, il ha detto il primo ministro. “Non ho fatto appello all’unità, non ce n’è bisogno”, l’unità è “insita nella composizione della maggioranza”. Così, il Primo Ministro nel ramo esecutivo in una conferenza stampa. “L’atmosfera nel governo è eccellente e questo può essere confermato da qualsiasi ministro di questo governo”, ha continuato. La consultazione con le parti “è un’ottima occasione di scambio, idee e contatti con il parlamento. Questo governo è nato circa 3 mesi fa e le misure che ha dovuto prendere sono state numerose e molto significative. La comunicazione con il Parlamento risente certamente di questa pressione di provvedimenti. Oggi intendiamo dare un ulteriore impulso a questa comunicazione oltre alle consultazioni che ho fatto e che farò ”, ha proseguito Draghi.

  Covid, Galli: "Attenti, dai 50 anni in su non si è al sicuro"
Confidentialite - Conditions generales - Contact - Publicites - Plan du site - Sitemap